Calendario

Nov
29
Ven
26a edizione 2019-2020 SENZA CONFINI, grandi e piccini insieme a teatro (24 nov. 2019 – 24 marzo 2020)
Nov 29 2019@14:26–Mar 24 2020@15:26

Rassegna transfrontaliera promossa dal Teatro Pan di Lugano, Centro Culturale di Chiasso e Teatro Città Murata di Como e da tre anni, in collaborazione per un’unica programmazione a Lugano, con LuganoInScena.

Lugano
Teatro Foce

domenica 24 novembre
ore 16.00
lunedì 25 novembre
ore 9.30
per le scuole promosso da LuganoInScena in collaborazione con LAC edu

L’usignolo o dell’amicizia
Teatro Pan in collaborazione con Bam! Bam! Teatro
liberamente ispirato al racconto omonimo di H.C. Andersen
di e con Monica Ceccardi e Cinzia Morandi
regia di Lorenzo Bassotto
dai 6 anni

La storia di un incontro inaspettato tra una strana signora e una ragazza distratta e frenetica. La ragazza, grazie alla strana signora, scopre qualcosa di nuovo dentro di lei, qualcosa che si è risvegliato nel momento in cui ha iniziato ad ascoltare… Saper ascoltare significa dare spazio a sé stessi e agli altri, aprirsi all’amicizia e all’empatia.

domenica 15 dicembre
ore 16.00
lunedì 16 dicembre
ore 9.30
per le scuole promosso da LuganoInScena in collaborazione con LAC edu
Kanu
Piccoli idilli
Vincitore della 4a edizione di In-Box Verde 2019
con Bintou Ouattara
musiche dal vivo di Daouda Diabate (kora, gangan, voce)
Kadi Coulibaly (bara, calebasse, voce)
in collaborazione con Mamadeni Coulibaly
regia di Filippo Ughi
dai 4 anni
per le scuole dai 6 anni

Kanu, in lingua bambarà, l’idioma più parkato dell’africa Occidentale, significa Amore. Dauda Diabate e Kady Coulibaly, griot del Burkina Faso, accompagnano il racconto sorprendente e lumioso di Bintou Quattara, con strumenti tipici – kora, gangan, bara e calebasse. Il ricordo dei cantastorie d’africa, i griot, custodi delle tradizioni orali e depositari della memoria di intere civiltà, diventa uno spettacolo brillante, con tratti di fine umorismo e paradossale comicità.

domenica 12 gennaio
ore 15.00 e ore 17.00
lunedì 13 gennaio
ore 9.30 e ore 14.00
per le scuole promosso da LuganoInScena in collaborazione con LAC edu
Thioro un Cappuccetto Rosso senegalese
Teatro delle Albe/Ravenna Teatro, Accademia Perduta/ Romagna Teatri, Ker Théatre Mandiaye N’Diaye
di Alessandro Argnani, Simone Marzocchi, Laura Redaelli
con Fallou Diop, Adama Gueye
alla tromba Simone Marzocchi
regia di Alessandro Argnani
dai 4 anni
è necessario prenotare
per le scuole dai 6 anni

Thioro, uno spettacolo nato in Senegal, evoca la popolare fiaba di Perrault. In un ritmo pulsante e grazie all’intreccio di diverse lingue, strumenti e immaginari, accompagna lo spettatore ad attraversare non il bosco, ma la savana e ad incontrare non il lupo, ma Buky la iena, in un viaggio immaginifico e bruciante attraverso l’Africa.

domenica 16 febbraio
ore 16.00
Cattivini – Cabaret concerto per bimbi monelli
Kosmokomico Teatro
musica, testo e regia di Valentino Dragano
con Valentino Dragano
dipinti di Silvia Vailati
dai 5 agli 8 anni

Canzoni che rispecchiano lo sguardo dei bambini sul mondo. Canzoni per svelare le emozioni, piene di humor, di non-sense, di geniali trovate, proprio come i bambini sanno fare. L’allestimento scenico è un vero e proprio palco di concerto in miniatura: effetti luce, macchina del fumo. Gli strumenti musicali: chitarra, pianoforte, batteria, sax, tromba, sono anch’essi in miniatura, piccini piccini ma fanno una musica grande grande.

domenica 15 marzo
ore 16.00
lunedì 16 marzo
ore 9.30
per le scuole promosso da LuganoInScena in collaborazione con LAC edu
Capitani coraggiosi
BAM!BAM! Teatro in coproduzione con Fondazione Musicale Santa Cecilia e Teatro Comunale Luigi Russolo di Portogruaro
dal romanzo di Rudyard Kipling
premio Otello Sarzi 2016 – Festival Internazionale Teatro Ragazzi – nuove figure di Porto S.Elpidio
premio del pubblico La rosa d’oro – Festival Nazionale Teatro Ragazzi – Padova

di Lorenzo Bassotto da Rudyard Kipling
regia di Lorenzo Bassotto
con Lorenzo Bassotto e Roberto Maria Macchi
voce off di Giovanni Zecchinato
musiche di Andrea Faccioli
scene di Gino Copelli
dai 6 ai 12 anni

In una scenografia che all’occorrenza diventa porto, peschereccio, tolda in balia delle onde e con effetti speciali di semplice e coinvolgente divertimento, i due interpreti riescono a ricreare tutte le atmosfere presenti nella storia di Kipling. Uno spettacolo che porta a riflettere sull’importanza dell’amicizia e sul valore di ogni esperienza tesa a comporre le linee fondamentali di ogni essere umano.
Chiasso
Cinema Teatro

martedì 17 dicembre
ore 14.00
per le scuole
Kanu
Piccoli idilli
Vincitore della 4a edizione di In-Box Verde 2019
con Bintou Ouattara
musiche dal vivo a cura di Daouda Diabate (kora, gangan, voce)
Kadi Coulibaly (bara, calebasse, voce)
in collaborazione con Mamadeni Coulibaly
regia di Filippo Ughi
dai 6 anni

Kanu, in lingua bambarà, l’idioma più parlato dell’africa Occidentale, significa Amore. Dauda Diabate e Kady Coulibaly, griot del Burkina Faso, accompagnano il racconto sorprendente e luminoso di Bintou Quattara, con strumenti tipici come kora, gangan, bara e calebasse. Il ricordo dei cantastorie d’africa – i griot, custodi delle tradizioni orali e depositari della memoria di intere civiltà – diventa uno spettacolo originale, brillante, con tratti di fine umorismo e paradossale comicità.

martedì 28 gennaio
ore 14.00
per le scuole
Fa’ la cosa faticosa
Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti
di Diego Dalla Via e Marta Dalla Via
regia Marta Dalla Via
con Daniele Bonaiuti, Yele Canali, Riccardo Reina
dagli 8 anni

2018: tutto si clicca, tutto è immediatamente disponibile e immerso della comodità…Tre ingegneri sono chiamati a presentare le loro ultime opere tecno-meccaniche, invenzioni che non solo annulleranno la scocciatura di alcuni doveri quotidiani ma addirittura elimineranno definitivamente la nozione stessa di fatica. Ma un black-out fa saltare l’impianto elettrico…

martedì 4 febbraio
ore 14.00
per le scuole
Abbracci
Teatro del Telaio
regia e di Angelo Facchetti
con Michele Beltrami, Paola Cannizzaro/Stefania Caldognetto e Massimo Politi
scenografia di Rossella Zucchi realizzata da Mauro Faccioli
dai 4 anni

Due Panda stanno mettendo su casa, ognuno la propria. Si incontrano. Si guardano. Si piacciono. E poi? Come si fa a esprimere il proprio affetto? Come far sentire all’altro il battito del proprio cuore? Come si può condividere il bene più prezioso?
E’ necessario andare ad una scuola speciale: una scuola d’abbracci…

giovedì 13 febbraio
ore 14.00
per le scuole
Odissea: un racconto che ritorna
con Nicola Cioce e Cinzia Morandi
regia di Luca Chieregato
parole di Daniela Almansi
dagli 11 anni
Lei, la narratrice, è una divoratrice di libri; lui, il musicista, dell’Odissea sa ben poco. Si trovano in scena insieme, quasi per caso. Intrecciano parole e musica, bisticci e interruzioni, per raccontarci le vicende di Ulisse, l’uomo partito lontano che da vent’anni cerca di tornare a casa, e di Penelope, la donna che lo aspetta e per riportarci dei valori che ancora oggi tentiamo di difendere.
lunedì 17 febbraio
ore 9.00 e ore 11.00
per le scuole
Rigoletto – I misteri del teatro
AsLiCo in coproduzione con Bregenzer Festspiele
Progetto Opera Domani – XXIV edizione
musica di Giuseppe Verdi
libretto di Francesco Maria Piave
direttore Cesare Della Sciucca
regia di Manuel Renga
cantanti AsLiCo
orchestra 1813
dai 6 ai 13 anni

Una compagnia teatrale sempre in viaggio… Il Progetto affronta quest’anno il tema dell’identità e della diversità nella più ampia cornice del mondo teatrale con la sua storia, i mestieri e le sue macchine misteriose. Saranno i bambini e i ragazzi di Opera domani a partecipare in prima persona come figuranti della compagnia girovaga che mette in scena lo spettacolo.

Como
Teatro Sociale

domenica 6 ottobre – Sala Bianca
ore 16.00
Fuga a quattro mani per nonna e bambino
Compagnia Arione de Falco
da una storia di Annalisa Arione
di e con Annalisa Arione e Dario de Falco
in collaborazione con Annalisa Cima
musiche di Enrico Messina
dai 5 anni

Questa è l’avventurosa e rocambolesca fuga a quattro mani di un bimbo e di un’anziana signora che senza saperlo si stanno cercando. E’ la storia di due generazioni lontane che si prendono per mano in una notte di luna e iniziano a camminare insieme e a riempire la memoria d’amore e giochi, il presente di divertimento e il futuro di ‘sono qui per te’.

domenica 3 novembre
ore 16.00
Voglio la luna
ATGTP – Teatro Pirata
progetto finalista al Premio Scenario Infanzia 2010
premio Eolo Award 2013 miglior Progetto Educativo per il Teatro Ragazzi e Giovani

ideazione e regia di Simone Guerro
drammaturgia Lucia Palozzi
con Diego Pasquinelli, Fabio Spadoni, Simone Guerro
allestimento e figure di Ilaria Sebastianelli e Alessio Pacci
dai 5 anni

Fabio è nella sua cameretta, alle prese con i suoi giochi e con le noiose raccomandazioni della mamma. Una notte, come per magia, viene svegliato da un soffio di vento e si accorge che, è venuta a trovarlo la luna. Da qui partirà una fantastica avventura.
Lo spettacolo nasce dall’ incontro con Fabio, attore affetto dalla sindrome di Down. Fabio, che ha saputo creare, con serietà e precisione non comuni, un personaggio unico, la cui simpatia è pari alla poeticità.

domenica 19 gennaio
ore 16.00
Cappuccetto rosso
Compagnia La luna nel letto in coproduzione con Teatri di Bari e Cooperativa Crest, con il sostegno di scuola di danza Artinscena
regia e di Michelangelo Campanale
coreografie di Vito Cassano
con i danzatori della Compagnia EleinaD Claudia Cavalli, Marco Curci, Erica Di Carlo, Francesco Lacatena, Roberto Vitelli
dai 6 anni

La celebre fiaba della bambina vestita di rosso e del lupo, è reinventata poeticamente tra danza e teatro, tra citazioni pittoriche e cinematografiche che si uniscono per concorrere a un risultato di forte e unico spessore, riuscendo a suggerire ed esplicitare molti dei sottotesti che la fiaba propone. Un incanto visivo e sonoro per gli spettatori di ogni età.

sabato 1 febbraio
dalle 19.30 alle 8.30
Notte lunare a teatro
Fata Morgana
dai 6 anni

Una notte in teatro accompagnata da storie, racconti e visioni, in compagnia di altri bambini. Porta con te: un sacco a pelo, un pigiama, una torcia, un piccolo asciugamano, spazzolino da denti e dentifricio, una borraccia. Noi pensiamo alla cena e alla colazione.

sabato 15 febbraio
ore 16.00 e 20,30
Rigoletto – I misteri del teatro
AsLiCo in coproduzione con Bregenzer Festspiele
Progetto Opera Domani – XXIV edizione
musica di Giuseppe Verdi
libretto di Francesco Maria Piave
direttore Cesare Della Sciucca
regia di Manuel Renga
cantanti AsLiCo
orchestra 1813
dai 6 ai 13 anni

Una compagnia teatrale sempre in viaggio… Il Progetto affronta il tema dell’identità e della diversità nella più ampia cornice del mondo teatrale con la sua storia, i mestieri e le sue macchine misteriose. Saranno i bambini e i ragazzi di Opera domani a partecipare in prima persona come figuranti della compagnia girovaga che mette in scena lo spettacolo.
domenica 15 marzo
ore 16.00
Hans e Gret
Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani/ Compagnia di Emma Dante
regia e di Emma Dante
con Manuela Boncaldo, Salvatore Cannova, Clara De Rose, NunziaLo Presti e Lorenzo Randazzo
scene di Carmine Maringola
costumi di Emma Dante
dai 6 anni e per tutti
Una favola tremenda, sulla miseria, messa in scena dalla grande regista Emma Dante, una riflessione spietata sulla sopravvivenza a scapito dei più deboli. Ma Hans e Gret non si arrendono, con allegria superano gli ostacoli e con la fantasia riempiono i piatti per nutrirsi e riusciranno ad andare avanti.

domenica 29 marzo – Sala Bianca
ore 16.00
Una storia sottosopra
La Baracca Testoni Ragazzi in coproduzione con Wide Eyes
di Andrea Buzzetti, Enrico Montalbani e Carlotta Zini
regia di Andrea Buzzetti
con Andrea Buzzetti e Carlotta Zini
scenografie e disegni di Enrico Montalbani
dai 2 ai 5 anni

Due personaggi surreali abitano su piani diversi. Ognuno vive la propria vita con le proprie certezze e paure, con il timore e la curiosità d’incontrare altri. Poi, un bel giorno, l’incontro. Gli spazi si capovolgono e i punti di vista s’incrociano in uno spazio nuovo, condiviso, in cui parole raccontate con gli occhi e disegnate su grandi fogli di carta, diventano storia. Uno spettacolo tenero, fatto d’immagini, in continua trasformazione visiva.

Gen
31
Ven
Faido: neve, ghiaccio e coriandoli, i prossimi eventi…febbraio 2020 @ Faido
Gen 31–Feb 29 giorno intero

Una splendida nevicata ha imbiancato la regione.

A Carì prosegue a pieno regime la stagione per gli appassionati degli sport di scivolamento sulla neve, per gli escursionisti con le racchette, pelli di foca e parapendio e per chi vuole godere del sole e della buona ristorazione.

A Faido grande affluenza alla pista di ghiaccio grazie agli appassionati del pattinaggio pubblico, dell’hockey e del curling.

Venerdì 31.1 a Chironico si scaccia l’inverno e poi da sabato 1° febbraio a Lavorgo i Somarik danno avvio ai festeggiamenti del carnevale in media Leventina.

Carì escursioni con le racchette

· Carì domenica 2 febbraio: racchettata in compagnia. Partenza alle ore 10 dalla cassa degli impianti. Percorso Carì, Predelp, Osteria Belvedere con sosta e ristoro, sentiero del montanaro, Carì. Pranzo in compagnia al ristorante Pineta (menu: crespelle ricotta e spinaci oppure spezzatino di vitello ai funghi con polenta).
· Carì venerdì 7 febbraio: racchettata notturna al chiar di luna. Partenza ore 19.00 dalla cassa degli impianti. Percorso Carì Dentro, Alpe Carì, Osteria Belvedere con sosta e ristoro, sentiero del montanaro, Carì. Cena in compagnia al Ristorante Pineta (menu: fondue al formaggio o paccheri al ragù di cervo e porcini).

Costo per ogni partecipante: CHF 32.- (racchettata, ristoro, pranzo per domenica 2.2 oppure cena per l’evento di venerdì 7.2).
Riservazione obbligatoria: +41 91 866 18 80 (info: www.cari.swiss, info@cari.swiss)

Faido sabato 8 febbraio alla pista ghiaccio Torneo “Borracce & Biberon”

Dalle 10 alle 12.30 prima edizione di questo torneo di hockey con oltre 80 bambini tra i 4 e 6 anni provenienti dalle società del Ticino. Griglia in funzione e nel pomeriggio tanti giochi per i bimbi. Venite a sostenere i giovani e a divertirvi! (info: www.gruppoghiacciofaido.ch)

Il carnevale in media Leventina:

· Chironico venerdì 31 gennaio ore 17.30 ritrovo al lavatoio e giro in paese con campanacci per scacciare l’inverno, alle 18.15 si accende il falò e i bimbi della scuola dell’infanzia cantano una canzone e vi invitano ad un aperitivo.
· Lavorgo domenica 2 febbraio ore 11.00 presso la casa comunale partenza del corteo mascherato Somarik e pranzo in compagnia.
· Calonico sabato 8 febbraio dalle 11.00 carnevale alla Cassina con pranzo e pomeriggio in musica e allegria.
· Chironico giovedì 13 febbraio ore 19:30 pollo al cestello al salone comunale
· Sobrio sabato 15 febbraio dalle 12.28 carnevà da Souri (che Botta!) all’Osteria Pineta, si prosegue poi fino a notte.
· Chironico sabato 15 febbraio al salone comunale si festeggia il carnevale con l’Unione Sportiva: risottata per pranzo e pomeriggio di festa.
· Faido venerdì 21 febbraio alle 14.00 corteo delle scuole per le vie del borgo.
· Mairengo venerdì 21 febbraio dalle 18 all’Osteria da Angela carnevale dei bambini mentre la sera successiva, 22 febbraio dalle 19, carnevale per tutti.
· Anzonico sabato 22 febbraio dalle 11.00 Carneva’ di Moscoi al Salone Bellavista con pasta al ragù. Dalle 21.00 ballo in maschera.
· Faido dal 26 al 29 febbraio Carnevaa da Fait al capannone dal centro sportivo con tanti appuntamenti! 27.2 pomeriggio per i bimbi, dalle 19.30 pollo al cestello a cui segue 60s con l’orchestra Tribal Sound. 28.2 Concerto Guggen & Flower Power DJ Party. Sabato 29.2 dalle 10.30 per le vie del Regno l’immancabile corteo allegorico a cui seguirà il pranzo e la premiazione.
· Carì giovedì 27 febbraio gara di carnevale con Guggen.
· Osco sabato 29 febbraio Ul Caravè di Scamoi al salone ProOsco.
· Cavagnago sabato 29 febbraio Carnevale presso la Casa Comunale.

Maggiori informazioni consultando la pagina eventi del sito: www.faido.ch

Feb
8
Sab
ESPOSIZIONI A LA FILANDA DI MENDRISIO – SI RIPRENDE CON ALESSANDRO MAZZONI E I SUOI imPROBABILI MONDI – dal 8 febbraio al 13 marzo 2020 @ Mendrisio
Feb 8–Mar 13 giorno intero

imPROBABILI MONDI, mostra di ALESSANDRO MAZZONI – dal 8.2 al 13.03.2020 a La Filanda di Mendrisio e nella sede de La Raiffeisen di Rancate
https://www.creattivati.ch/alessandro-mazzoni.html

riprendono le esposizioni dedicate agli artisti ticinesi a La Filanda di Mendrisio con l’artista Alessandro Mazzoni che ci accompagna nei suoi improbabili mondi, tra pitture ad acquarello, sculture con materiali di riciclo e pitture stratificate su vetro sintetico ispirato ai sedimenti del Monte San Giorgio.
Inaugurazione della mostra sabato 8 febbraio ore 18:00

Il viaggio attraverso i molteplici mondi di Alessandro Mazzoni negli spazi de La Filanda di Mendrisio ha inizio con le note musicali che hanno ispirato l’artista una serie di piccoli acquerelli, ognuno il risultato di un brano.
Il visitatore viene introdotto nel mondo dell’artista in un luogo di introspezione e meditazione sotto una scenografica semisfera geodetica creata con sacchetti di plastica riciclati.
Attraverso la musica prenderà inizio il racconto degli imPROBABILI mondi trasportati in una sequenza di cieli e nuvole, universi e galassie, presagi di luoghi probabili.

In questo nuovo appuntamento espositivo Alessandro Mazzoni presenta diversi lavori che costruiscono un’ulteriore tappa del suo percorso nel quale da diversi anni porta avanti due aspetti fondamentali della propria ricerca: da un lato la riflessione sull’atto stesso della creazione artistica, dall’altro la percezione e l’ambiguità visiva delle immagini stesse.

Alcune delle sue opere sono proposte contemporaneamente negli spazi interni della Banca Raiffeisen di Rancate.

Un progetto ideato e curato da creattivati.ch (https://www.creattivati.ch/improbabili-mondi.html) la piattaforma che promuove i creativi di professione della Svizzera italiana e sostenuto da LA FILANDA di Mendrisio.

Feb
9
Dom
PROSSIMAMENTE IN TOUR PER PROMUOVERE LA MUSICA EMERGENTE IL 9 FEBBRAIO, 1 MARZO E 19 APRILE 2020 @ Genova (I)
Feb 9–Apr 19 giorno intero

IL 9 FEBBRAIO AL TEATRO CARIGNANO DI GENOVA
IL 19 APRILE AL TEATRO CASA CAVA DI MATERA
L’1 MARZO AL TEATRO LA BOLLA DI BOLLATE (MI)

Da domenica 9 febbraio, al Teatro Carignano di Genova, ritorna in tour “Promuovi la tua Musica”, iniziativa a favore della musica emergente, ideata e voluta fortemente dalla cantante Fanya Di Croce. Un tour nei teatri di Italia che in due anni ha segnato più di mille partecipanti.

Partner del tour è l’etichetta discografica Smilax Publishing che distribuirà a fine edizione la compilation con tutte le canzoni vincitrici delle varie tappe. Sul palco oltre 40 giovani artisti provenienti da tutta Italia si esibiranno presentando i loro progetti artistici. Ad ascoltare i giovani artisti nella tappa di Genova ci sarà Francesco Ciccotti, autore del singolo “sospeso” dedicato alle vittime del crollo del ponte Morandi.

Il contest sta coinvolgendo tutte le località italiane al fine di valorizzare la musica indipendente emergente. A presentare la serata come sempre l’attore Fabio Massenzi, finalista al festival “Tulipani di seta nera” indetto da Rai Cinema con il cortometraggio “L’ultimo Ninja”. L’attore è finalista ora al Ferrara Film Festival con “Prima che diventi buio”.

Il Tour proseguirà il 19 Aprile nella splendida Matera presso il Teatro Casa Cava, occhiello architettonico ambientato in una roccia con il palco trasparente in vetro. Il 1° marzo farà tappa in Lombardia presso il Teatro La Bolla di Bollate dove la commissione artistica sarà affidata al direttore musicale di Radio Italia Antonio Vandoni.

Feb
17
Lun
Carnevale di Lugano con Re Sbroja A partire da lunedi 17.02.2020
Feb 17@16:43–Feb 24@17:43

Distribuzione gratuita del satirico UL SBROJA

Mercoledì 19.02.20
visita alle case per anziani di Lugano con re Sbroja e piccolo dono a tutti gli ospiti, con il seguente programma:

ore 12.30 Casa Serena (ev. pranzo con anziani)
ore 14.15 Residenza La Meridiana
ore 15.30 Castagneto

Giovedì 20.02.20
Ore 14.00 Piazza della Riforma, consegna chiari a Re Sbroja.
A partire dalle 14.15 grande sfilata in maschera dei ragazzi delle scuole cittadine.

Venerdì 21.02.2020: proseguimento visita agli istituti del luganese con re e Regina Sbroja e piccolo dono a tutti gli ospiti:
ore 10.00 Piazzaetta Loreto
ore 11.00 OTAF Sorengo
ore 12.00 Casa anziani Gemmo (ev. pranzo con anziani)
ore 14.00 Residenza Maraini

Lunedì 24.02.20: classica risottata gratuita in Piazza della Riforma offerta da: BANCA RAIFFEISEN e CORRIERE del TICINO (in caso di cattivo tempo Centro Esposizioni) a partire dalle 11.30.

Feb
20
Gio
157° Edizione Carnevale Rabadan 20.02.2020 – 25.02.2020 @ Bellinzona
Feb 20–Feb 25 giorno intero
157° Edizione Carnevale Rabadan  20.02.2020 – 25.02.2020 @ Bellinzona

La 157° edizione del Carnevale Rabadan è alle porte ed i preparativi fervono per presentare anche quest’anno uno spettacolo all’altezza delle aspettative. Protagonisti come sempre la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento.

Diverse le novità che anche quest’anno caratterizzano il programma del carnevale Bellinzonese, con il rinnovato motto “Metti il Sole al Centro” le attività principali saranno di nuovo focalizzate all’interno del capannone eventi di Piazza del Sole che quest’anno prevede sei serate a tema accompagnate da proposte gastronomiche per tutti i gusti nell’esclusiva area guest dalla quale poter vivere anche il carnevale da una posizione privilegiata.

Quest’anno però la vera novità è rappresentata da RabaGreen che vuole essere un chiaro segnale che Rabadan lancia a favore della sostenibilità e della responsabilità ambientale. Con il focus principale della riduzione della produzione di rifiuti sono introdotti i bicchieri innovativi in silicone alimentare multiuso, i bicchieri biodegradabili, le stovglie lavabili per i pranzi offerti e i punti di raccolta differenziata dei rifiuti (33 postazioni) all’interno della Città del Carnevale.

Come di consueto con l’acquisto dei pass Rabadan si potrà beneficiare del trasporto pubblico incluso in tutto il perimetro della Comunità tariffale Arcobaleno, per tutto la manifestazione.

Un edizione caratterizzata da diverse novità che vanno a completare ed arricchire il tradizionale programma settimanale. Si parte come di consueto giovedì 20 febbraio alle ore 21.00 con la tradizionale consegna delle chiavi in Piazza Nosetto che sancisce il via alla 157°edizione che terminerà martedì 25 febbraio 2020. Anche quest’anno il programma è particolarmente intenso a partire dai tradizionali appuntamenti quali il corteo dei bambini del venerdì, il corteo e il concerto delle Guggen al sabato e l’amatissimo corteo mascherato della domenica, unito all’intrattenimento serale proposto dal capannone di Piazza del Sole che dopo il grande successo dell’anno scorso ripropone le serate a tema e introduce la nuova “Gueast Area” e le divertenti serate a tema accompagnate dalle sfiziose proposte gastronomiche.

Programma Capannone Eventi in Piazza del Sole

Da non perdere lo spettacolo teatrale musicale di Flavio Sala “Gabarè” che anticipa l’inizio del carnevale a mercoledì sera. Il venerdì sarà proposta una serata anni ’90 intitolata “Gettin’into the 90” con un ricco standing luch a buffet, mentre sabato sarà la volta della deliziosa tartare. La “domenica dello stinco” sarà accompagnata dal ballo liscio con l’orchestra di Moreno il biondo. Lunedì torna invece a grande richiesta la mitica fondue e il contest Rabathlon con le sue divertenti discipline “sportive”. Il programma completo su www.rabadan.ch/programma.

Guest Area

Rabadan ha il piacere di presentarvi la nuova Guest Area, rivista nei suoi contenuti e arricchito nell’offerta. Lo spazio adibito all’interno del capannone manifestazioni, situato in Piazza del Sole, vuole proporre un inizio di serata dinamico, coinvolgente e a tratti esclusivo, da trascorrere in compagnia di amici, colleghi e ospiti. Ogni serata propone un tema e un programma diverso; un punto forte che permette sicuramente di assecondare le molteplici esigenze degli amanti del carnevale Bellinzonese. I posti sono limitati. L’iscrizione deve avvenire entro il 14.02.2020 indicando la serata che si vuole riservare, il numero di persone e i contatti, scrivendo a guestarea@rabadan.ch oppure compilando i formulari su rabadan.ch/areaguest

Bicchiere Rabadan

Il bicchiere in silicone alimentare rappresenta un vero passo verso manifestazioni Plastic freee e permette di ridurre in maniera drastica la produzione di rifiuti. Il materiale naturale e la possibilità di utilizzo multiplo (fino a diventare un gadget da conservare) lo fanno diventare una vera innovazione che ha ricevuto il sostegno da diverse manifestazioni in tutto il mondo su più giorni nonché l’approvazione da parte delle autorità cantonali competenti. La possibilità di scaricare, sul proprio telefono, l’app che informa sugli eventi e sulla riduzione effettiva di consumo di plastica rappresentano un ulteriore valore aggiunto (senza alcuna tracciabilità dei dati). Nessun obbligo o restrizione nel dover utilizzare il bicchiere Rabadan ma l’invito a contribuire in maniera tangibile alla riduzione dell’impatto ambientale. In alternativa sono messi a disposizione bicchieri biodegradabili con un sovraprezzo (per il concetto di chi inquina paga) di 50 cts/bevanda.

Trasporti e Ticketing

Anche quest’anno ci sarà la possibilità di scegliere tra il pass settimanale a Fr. 60.–, i pass giornalieri che danno l’accesso alle singole serate, giovedì, venerdì e sabato a Fr. 30.–, lunedì e martedì a Fr. 25.—mentre il Pass per il corteo della domenica a soli Fr. 10.– e il pass corteo per famiglie al prezzo speciale di Fr. 20.— (2 adulti + 3 bambini fino a 12 anni) .

Ricordiamo che i pass e il braccialetto Rabadan sono validi quali titolo di trasporto pubblico incluso

su tutti i treni e bus, in tutto il perimetro della Comunità tariffale Arcobaleno, dalle ore 18.00 alle ore
07.00. Nella giornata di domenica il titolo di trasporto è valido solo per il corteo dalle 06.00 alle
24.00. Maggiori informazioni su www.rabadan.ch/trasporti.

I biglietti sono sempre in vendita online sul sito Ticketcorner e offline in tutta la Svizzera presso i rivenditori ufficiali: Uffici postali (abilitati), Manor, Coop City e l’Ufficio turistico di Bellinzona presso lo sportello di Palazzo Civico e sportello FFS oppure scaricando la App gratuita di Ticketcorner.

Sicurezza

Come di consueto Rabadan invita tutti a rispettare le normali regole di comportamento e ringrazia inoltre i genitori per il contributo che daranno nel sensibilizzare i propri figli in tal senso. Si ricorda che non ci sarà tolleranza alcuna per chi non rispetta le regole di base a partire dall’utilizzo dei mezzi pubblici di trasporto. Importante quindi sottolineare la promozione del rispetto al fine di evitare maleducazione, violenza e danni prima, durante e dopo la festa.

Inoltre da quest’anno Rabadan entra nel Gruppo Carnevali in Sicurezza che mira a prevenire e gestire in maniera congiunta i casi esagitati con gli altri carnevali che aderiscono al Gruppo.

Tutto è pronto quindi per inaugurare la 157° edizione, il programma completo e tutte le

informazioni inerenti l’evento come prevendita, trasporto pubblico e altre informazioni sono da subito disponibili su www.rabadan.ch

Buon Rabadan a tutti!

Feb
21
Ven
Carnevaa da Fait 2020 dal 21 al 29 febbraio 2020 @ Faido
Feb 21–Feb 29 giorno intero

Anni 60, il Carnevaa da Fait a tema sixties
Da Mercoledì 26 a Sabato 29 febbraio, al capannone presso la pista di ghiaccio, non mancate all’edizione 2020 del carnevale Faidese dedicato agli anni 60.
Il programma della settimana si presenta ricca di attività, sia per i grandi che per i più piccoli.
Si inizia già VENERDI 21 febbraio dalle 14.00 con la partenza dalle scuole del Corteo mascherato dei piccoli dell’Asilo e delle Elementari
MERCOLEDI 26 febbraio dalle 12.00 PIZZOCCHERI (anziani offerto) e alle 18.00 BATTESIMO della Corte e CONSEGNA DELLE CHIAVI a Sua Maestà Rè Tecoppa in Piazza S.Franscini. Al capannone PURÈ e SMINUZZATO accompagnati da musica dal vivo.

GIOVEDI 27 febbraio pomeriggio dedicato ai bambini con MAGO, GIOCHI e banchetto CHOCO PARTY. Dalle 19.30 il POLLO AL CESTELLO (su prenotazione – vedi sotto). Ad allietare la serata l’orchestra TRIBAL SOUND con entrata libera.
VENERDI 28 febbraio ore 12.00 LASAGNE e dalle 19.00 CONCERTO GÜGGEN e FLOWER POWER PARTY con DJ AMOS.
SABATO 29 febbraio, nuovo, dalle 10.30 CORTEO ALLEGORICO per le vie del Regno e RISOTTO E LUGANIGHE OFFERTE dalle ore 12.00. Seguirà pomeriggio NON-STOP con musica live del DUO BILLET, il PROCLAMA DEL RÈ, l’ESTRAZIONE DELLA LOTTERIA e la PREMIAZIONE DEL CORTEO.
Durante tutto il pomeriggio sarà possibile gustare Pop Corn, Crêpes e Waffles
Nel capannone effettuerete un salto nel tempo e vi immergerete nelle atmosfere dei mitici anni ’60, in una scenografia di luci psichedeliche e di addobbi, dove la scoperta del gusto si avvicenderà ai balli e ai Dj Party. Sarete trasportati dal Twist e dal Rock’N’Roll per una festa d’altri tempi e per tutti coloro che si riconoscono in quel periodo di spensieratezza e spontaneità espressiva è d’obbligo venire vestiti a tema!
…come dimenticare i Favolosi Anni ’60?
Vi aspettiamo numerosi.

Internet: www. Carnevaadfafait.ch
Facebook: Carnevaa da Fait
Instagram: carnevaa_da_fait

PRENOTAZIONI “Pollo al cestello” presso la cassa al capannone o al 0795847526 fino mercoledì 26 febbraio ore 12.00

SONGCITY – la mostra fotografica di Marcello Togni a Casa Rusca – Cureglia dal 21 al 23 febbraio 2020 @ Cureglia
Feb 21–Feb 23 giorno intero

SONGCITY
Mostra fotografica di Marcello Togni
Casa Rusca, Municipio di Cureglia
Dal 21 al 23 febbraio 2020, dalle ore 15 alle ore 20
Vernissage: 20 febbraio 2020 dalle ore 18
Ingresso libero

La città non ha storia, né urbanismo né architettura. Soltanto un flusso di energia. Mettiti al suo passo, diventa questa energia. Allora tutto verrà a te. Non sarai tu a scattare ma un istinto incontrollabile che non ti lascia scelta.
Esegui, tieni il ritmo, non cadere. È il tuo dovere, la tua etica e la tua fierezza.
Avrai la certezza di essere vivo.

Occasione da non perdere assolutamente la visita alla mostra fotografica di Marcello Togni, artista ticinese trapiantato da vent’anni a Parigi.
Nell’esposizione si potranno vedere una trentina di fotografie provenienti dal progetto Songcity iniziato nel 2013 per le strade di Parigi (streetphotography), che dal 2016 comprende anche dei ritratti scattati negli interni di alcuni appartamenti privati parigini, raggruppati nel volume “Songcity”. In occasione dell’esposizione sarà disponibile la seconda edizione di questo libro d’artista – limitata a 20 esemplari numerati e firmati (giornale formato Broadsheet -A1, 59,4×84,1 cm-; 64 pagine, colori). La prima edizione è stata realizzata nel 2018 in 5 esemplari. Il primo numero si trova a Roma in una collezione privata.
“Il filo conduttore della mostra è composto di tre corde tese e intrecciate fra loro – spiega Marcello Togni -. Una scenografia, attraversata da un passaggio umano, e la sua rappresentazione colta sul suo declinare. La convergenza di questi tre elementi danno al progetto il suo ritmo e respiro, ma anche i limiti all’interno dei quali questo mondo esiste e si rivela”. E aggiunge: “Questi insiemi di scatti vanno interpretati come delle brevi frasi libere. Non sono necessariamente connessi fra loro. Pertanto, ci raccontano una storia, o meglio ci fanno sentire il suo ritmo”.

L’esposizione si articola in quattro spazi distinti ma permeabili, lungo le quattro stanze della sala Le Volte di Casa Rusca a Cureglia.
Nella prima sala vengono indicati i vari generi che accompagneranno il visitatore durante tutto il percorso (maschile, femminile, altro).
Nella seconda sala questi diversi generi sono confrontati a un rimando di specchi nei quali si fondono e confondono.
La terza sala distribuisce loro nuove geometrie all’interno delle quali possono abitare i differenti attimi del loro esistere.
La quarta e ultima sala accelera i loro destini in un’urgenza vertiginosa e inarrestabile che lascerà ombre colorate come testimonianza di questi passaggi.
La mostra presenta una parte di opere già esposte nel 2018 in una personale ad Amburgo, a Torino (primo premio al concorso nazionale “Paesaggi urbani”), all’interno del Festival “Fotografia Torino” e, infine, in una personale sull’Isola di Paros in Grecia.
Nel 2019 alcune fotografie sono state presentate al Salone della Fotografia di Novegro (Milano).
Le fotografie esposte misurano 50×75 cm. Sono stampate a getto d’inchiostro su carta Canson Baryta Prestige 340 gr. e presentate su Dibond 2 mm. La tiratura è di 5 esemplari, più 2 prove d’artista.

Marcello Togni vive e lavora a Parigi.
Le sue fotografie sono state esposte in Francia, Germania, Italia, Grecia e Svizzera.
Il suo sito (ha più di un anno di ritardo sul lavoro svolto): www.marcellotogni.com
Instagram: marcello.togni
Mail: mt@marcellotogni.com

Feb
23
Dom
GARA MASCHERATA A PRATO LEVENTINA IL 23 FEBBRAIO 2020 @ Prato Leventina
Feb 23 giorno intero
Feb
25
Mar
Cinema Leventina Airolo il 25 febbraio 2020: “ TROLLS – La festa continua “ @ Airolo
Feb 25@17:00

Cinema Leventina Airolo, martedì 25 febbraio 2020, ore 17.00

IN COLLABORAZIONE CON IL CARNEVALE AIROLESE, IL CINEMA DEI RAGAZZI

“ TROLLS – La festa continua ”

Nel villaggio dei Troll si festeggia con nuove canzoni e nuovi animaletti. Divertimento assicurato per tutti i bambini.

Entrata bambini Fr. 5.-
**************************************************************************************************************************************************

Cinema Leventina Airolo, mercoledì 26 febbraio 2020, ore 20.30

IN RELAZIONE AL CICLO DI INCONTRI INDETTI DALLO SPAZIO ALPINO
– LA SVIZZERA INCONTRA LA MONGOLIA –

“ ONDOG Un amore mongolo ”

La storia, che inizia come una semplice inchiesta giudiziaria, si rivela molto più ambiziosa, sorprendente e appassionante.
( Versione originale mongola coin sottotitoli in francese e tedesco )

LuganoCinema93 – rassegna KORE-EDA HIROKAZU. UN TOCCO LEGGERO DAL GIAPPONE il 25 febbraio 2020 @ Lugano
Feb 25@20:30

Piano piano la rassegna dedicata al regista giapponese Kore-eda Hirokazu si sta avviando alla conclusione. I film presentati con successo nei vari cineclub del cantone sono stati tanti e, al cinema Iride, martedì 25 febbraio alle 20.30, sarà proiettato il terzultimo della rassegna – AIR DOLL (KÛKI NINGYÔ) – in.v.o. giapponese e st. francese, una parabola dolceamara sulla solitudine metropolitana e sul significato di sentirsi umani. Nozomi è una bambola gonfiabile di proprietà di Hideo, un uomo solitario che la usa come compagna di vita e oggetto sessuale. Quando Hideo è al lavoro, Nozomi prende vita, scoprendo un cuore dentro di sé ma restando comunque una creatura di plastica piena d’aria.
Vi segnalo inoltre che la rassegna GIROGIROTONDO… che segue quella dedicata a Kore- eda sarà dedicata al gioco, una necessità cosciente o meno per affrontare le tragedie e le difficoltà della vita. Nel sito del cineclub si possono già trovare tutte le informazioni relative alla rassegna. www.luganocinema93.ch

Feb
26
Mer
Cinema Leventina Airolo, 26 febbraio 2020: LA SVIZZERA INCONTRA LA MONGOLIA @ Airolo
Feb 26@20:30

Cinema Leventina Airolo, mercoledì 26 febbraio 2020, ore 20.30

IN RELAZIONE AL CICLO DI INCONTRI INDETTI DALLO SPAZIO ALPINO
– LA SVIZZERA INCONTRA LA MONGOLIA –

“ ONDOG Un amore mongolo ”

La storia, che inizia come una semplice inchiesta giudiziaria, si rivela molto più ambiziosa, sorprendente e appassionante.
( Versione originale mongola coin sottotitoli in francese e tedesco )

Feb
28
Ven
FAME MIA- QUASI UNA BIOGRAFIA ¦ Annagaia Marchioro per Ridi con Noi al Teatro di Locarno il 28 febbraio 2020 @ Locarno
Feb 28@20:30

Venerdì 28 febbraio alle 20:30 per la serie Ridi con noi, promossa al Teatro di Locarno, arriva Fame mia – Quasi una biografia. In scena Annagaia Marchioro, diretta da Serena Sinigaglia
.

LOCARNO. Per la serie “Ridi con noi”, promossa al Teatro di Locarno, arriva “Fame mia – Quasi una biografia”, in scena venerdì 28 febbraio. Sul palco l’attrice e autrice dello spettacolo, Annagaia Marchioro, diretta da Serena Sinigaglia.

Interprete che ha vissuto in prima persona le vicende tragicomiche e dolorose portate adesso in scena. Ma il suo non è il lacrimevole racconto di una sopravvissuta alle patologie legate ai disturbi alimentari; è piuttosto una gioiosa carrellata di quadri variopinti di vita veneziana, in cui il cibo è sempre onnipresente, così come lo sono le macchiettistiche e tenere figure familiari di riferimento. Una su tutte, la nonna, che con il suo ingenuo amore per la nipote nutre una fame senza fine. Annagaia mangia, mangia costantemente. Il suo viso si deforma mentre si ciba compulsivamente di quello che è per lei apparecchiato in scena, rievocando la sua trasformazione fisica in bambina grassa, sgraziata, messa in ultima fila a danza. Una bambina tutto sommato allegra, che l’adolescenza trasforma in una giovane donna infelice, insoddisfatta del suo corpo, che proverà a cancellare e ad annientare completamente, gettandosi nel tunnel dell’anoressia.

Annagaia Marchioro ha una presenza scenica esuberante, strabordante nella sua gioia di vivere e di recitare, che trasmette al pubblico con vere e proprie ondate di energia comica, fisica e verbale. Estremamente veritiera nel tratteggiare la vita veneziana e i “tipi” che la caratterizzano, in un dialetto che evoca memorie di infanzia, folklore, comicità venata di nostalgia e amarezza. Annagaia riesce a far ridere anche mentre rievoca il suo momento più buio, il suo corpo esausto che si ribella al digiuno e che, contro la sua volontà, ricomincia a mangiare. Morte e impulso irrefrenabile alla vita si intrecciano nelle sue parole, facendo passare il pubblico dall’orrore dell’immedesimazione al sollievo della risata. Risata che non è semplicemente liberatoria, ma una scelta consapevole del pubblico nel momento in cui comprende che del male si può e si deve ridere.

Il talento comico dell’attrice veneziana unisce stand-up comedy, narrazione autobiografica e critica sociale creando uno spettacolo ricco di azione, che si snoda tra una scenografia smontabile e edibile, costumi clowneschi e luci che dialogano con l’attrice, intensificando i momenti di drammaticità come quelli più leggeri.

Prevendita biglietti presso Organizzazione Turistica Lago Maggiore Sportelli di Brissago, Ascona e Locarno o sul sito www.teatrodilocarno.ch. Il prezzo d’ingresso è fissato in CHF 25,00, ridotto a CHF 20,00 per abbonati alla stagione e iscritti all’Associazione Amici del Teatro di Locarno.

Feb
29
Sab
GLI AMICI DEL RISOTTO DEL CANTON URI DI FAIDO ORGANIZZANO IL LORO CARNEVALE IL 29 FEBBRAIO 2020 @ Faido (canton Uri)
Feb 29@08:00
TICINO MUSICA ¦ AUDIZIONI PER L’OPERA STUDIO INTERNAZIONALE “SILVIO VARVISO” – IL BARBIERE DI SIVIGLIA, 29 febbraio a Lugano @ Lugano
Feb 29@12:00

Per l’Opera studio internazionale “Silvio Varviso” il 2020 è l’anno de “Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, opera tra le più celebrate del grande genio pesarese. La fase finale delle selezioni del doppio cast di cantanti che interpreterà questo straordinario capolavoro lirico durante l’edizione 2020 di Ticino Musica è alle porte: le audizioni dal vivo – che fanno seguito ad una prima scrematura dei candidati avvenuta tramite registrazione audio-video – si terranno sabato 29 febbraio 2020 a partire dalle ore 12.00 nell’Aula magna del Conservatorio della Svizzera italiana (Lugano, via Soldino 9) e saranno aperte al pubblico (ingresso gratuito).

Un’occasione preziosa e non comune, per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente appassionati e curiosi, per scoprire e conoscere i talenti della nuova generazione canora internazionale. Sono infatti ben 12 le nazionalità rappresentate dai 32 finalisti: Belgio, Canada, Cina, Corea, Francia, Giappone, Italia, Portogallo, Russia, Spagna, Ucraina, USA.

La commissione giudicatrice sarà composta da Umberto Finazzi, direttore musicale dell’Opera studio, Daniele Piscopo, regista, e Gabor Meszaros, direttore artistico del Festival Ticino Musica. I candidati, accompagnati al pianoforte da Francesco Manessi e Yuka Gohda (già nelle scorse edizioni maestri collaboratori per l’Opera studio di Ticino Musica), interpreteranno arie e recitativi da opere liriche.

I vincitori delle audizioni si presenteranno poi al pubblico luganese in “anteprima” domenica 29 marzo nel “Gala dei cantanti”, speciale evento pre-festival di Ticino Musica che si terrà nella Hall del LAC per la rassegna “La Hall in Musica”.

La squadra dell’Opera studio internazionale “Silvio Varviso” verrà completata tramite le audizioni degli strumentisti che andranno a formare l’Ensemble strumentale Ticino Musica. Le audizioni, che si svolgeranno domenica 1 marzo in Conservatorio e saranno pubbliche con ingresso libero, sono riservate agli studenti del Conservatorio della Svizzera italiana, in virtù di una fruttuosa collaborazione di lunga data tra le due realtà.

Per informazioni:
www.ticinomusica.com
info@ticinomusica.com

Mar
4
Mer
CORSO BASE DI FOTOGRAFIA A CHIASSO DAL 4 MARZO 2020 @ Chiasso
Mar 4@20:30
Mar
6
Ven
“Homenaje a Mercedes Sosa” Concerto canzone latinoamericana a Locarno il 6 marzo 2020 @ Locarno
Mar 6@19:00

“Homenaje a Mercedes Sosa” Concerto canzone latinoamericana a Locarno il 6 marzo 2020

Con Coqui Sosa, nipote di Mercedes: voce e chitarra
Ospite della serata Lara Fillmore

Venerdì 6 marzo, ore 19.00

Concerto omaggio alla grande voce dell’America Latina Mercedes Sosa, a 10 anni della sua scomparsa.

Homenaje a Mercedes Sosa

Mi raccomando condividete a tutti i vostri amici. 😊Vi aspettiamo numerosi venerdì 6 marzo, ore 19.00.

Gepostet von Teatro Paravento am Mittwoch, 5. Februar 2020

Entrata: CHF 22.- (adulti) / CHF 17.- (Soci ATP, AVS, Studenti)

Prenotazioni: 091 751 93 53, info@teatro-paravento.ch

Il Bar del Teatro Paravento è aperto un’ora prima e dopo lo spettacolo!

Vi aspettiamo numerosi!

1982 – 2020
38 anni
Teatro Paravento
CP 1332 / 6601 Locarno
Tel. +41 91 751 93 53
http://www.teatro-paravento.ch/

A TEATRO DI BELLINZONA IN BUS DALLA VALLE DI BLENIO (E VIAGGIO GRATIS) ¦ 6 marzo 2020 @ Bellinzona
Mar 6@20:45

Viaggio in torpedone per assistere a tre spettacoli della stagione 2019-20 In collaborazione con i Comuni di Acquarossa, Biasca e Serravalle

Un servizio di trasporto con un comodo torpedone dalla Valle di Blenio e da Biasca a Bellinzona in occasione di alcuni spettacoli in programma al Teatro Sociale. È la nuova proposta “A teatro in bus… e viaggio gratis” nata dalla collaborazione fra il Teatro Sociale Bellinzona e i Comuni di Acquarossa, Biasca e Serravalle. Il servizio sarà operativo in via sperimentale per tre spettacoli da gennaio a marzo 2020 e, qualora si riscontrasse una buona risposta dal parte del pubblico, sarà ripreso ed esteso per la stagione 2020-21.

Questi i tre spettacoli della stagione 2019-20 del Teatro Sociale Bellinzona che fanno parte della proposta “A teatro in bus… e viaggio gratis”:

 

3. Venerdì 6 marzo 2020 ore 20.45:
SE LA VA LA GH’HA I RÖD di Gionas Calderari

con Flavio Sala, Rosy Nervi, Leonia Rezzonico, John Rottoli, Moreno Bertazzi, Giuseppe Franscella, Orio Valsangiacomo e altri della Compagnia Flavio Sala

Prezzo Fr. 36.- / Iscrizioni entro venerdì 21 febbraio

Le iscrizioni sono aperte da subito per i tre spettacoli della proposta.

Chi aderisce alla proposta “A teatro in bus… e viaggio gratis” paga soltanto il prezzo d’ingresso allo spettacolo: il viaggio con un comodo torpedone delle Autolinee Bleniesi è gratuito! A teatro sono riservati posti in platea di prima categoria. Sono riconosciuti i consueti sconti per persone in età AVS, per gli Amici del Teatro Sociale e per studenti e apprendisti.

Possono usufruire della proposta soltanto le persone domiciliate nei Comuni di Acquarossa, Biasca e Serravalle. Per iscriversi ci si deve rivolgere alla Cancelleria comunale del proprio Comune di domicilio:

Acquarossa: tel. 091 871 11 81
Biasca: tel. 091 874 39 00
Serravalle: tel. 091 870 11 45

I posti sono limitati. Si tiene conto delle iscrizioni secondo l’ordine d’entrata. L’iscrizione è definitiva, nessun rimborso dopo l’iscrizione in caso di mancata partecipazione.

Il torpedone delle Autolinee Bleniesi parte dalla stazione di Acquarossa e passando da Malvaglia e Biasca porta gli spettatori direttamente al Teatro Sociale Bellinzona. È possibile salire/scendere a tutte le abituali fermate sulla tratta Acquarossa-Biasca della linea Biasca-Acquarossa-Olivone. Questi gli orari del viaggio:

Acquarossa pt. 19.15
Serravalle pt. 19.25
Biasca pt. 19.35
Teatro Sociale ar. 20.00
Inizio spettacolo 20.45
Teatro Sociale pt. 23.00 (rientro)

Mar
7
Sab
Lorenza Foschini dialoga con Moira Bubola al LAC per le Colazioni Letterarie – 7 marzo @ Lugano (LAC)
Mar 7@11:00

Lorenza Foschini al LAC per le Colazioni Letterarie – 7 marzo
Sabato 7 marzo alle ore 11 Hall LAC

Lorenza Foschini dialoga con Moira Bubola
Il vento attraversa le nostre anime. Marcel Proust e Reynaldo Hahn. Una storia d’amore e d’amicizia.

“Il vento attraversa le nostre anime” sono le parole che il giovane e già noto musicista Reynaldo Hahn appunta a margine dello spartito di un’opera che sta componendo, L’Île du rêve. É l’estate del 1894 il tempo in cui esplode, ricambiato, il suo amore per Marcel Proust. – Racconta Lorenza Foschini – Ho ricostruito la storia di questo rapporto attraverso le lettere salvate dalla distruzione degli scritti operata dalle rispettive famiglie che volevano cancellare ogni traccia di omosessualità dalla vita di Reynaldo e Marcel. Ne emerge il racconto di un grande amore tra due giovani eccezionali, vissuta nella Parigi straordinaria della fine ottocento.
Un grande amore diventato negli anni successivi un’amicizia altrettanto passionale e intensa che durerà fino alla morte di Proust nel 1922.”
Entrambi di origine ebraica, Reynaldo per parte di padre, Marcel per parte di madre, sono colti, ambiziosi, brillanti. Spiritosi nel loro mondano snobismo, esibiscono una irrefrenata, giovanile vitalità, attraversata a tratti da improvvise malinconie. Dopo due anni di intensa passione la loro storia, che sembrerebbe destinata a spegnersi tristemente, si tramuta invece in un sentimento unico e particolarissimo, che durerà fino alla morte di Proust, nel 1922, anche se, nel corso degli anni, le loro avventure artistiche si divaricano: la musica di Reynaldo, mutati i gusti e le mode, apparterrà sempre più a un’epoca ormai passata, mentre la fama di Marcel, autore di un capolavoro letterario quale Alla ricerca del tempo perduto, crescerà di giorno in giorno, facendone presto una celebrità.
LORENZA FOSCHINI, giornalista, ha condotto a lungo il Tg2 Rai. Autrice e conduttrice di trasmissioni di successo, ha realizzato documentari e programmi di approfondimento. Fra i suoi libri ricordiamo: Misteri di fine millennio, Il cappotto di Proust, Zoe, la principessa che incantò Bakunin e, con Giovanni Sartori, La democrazia in trenta lezioni.

La seconda edizione di “Colazioni letterarie” è un ciclo di appuntamenti volto a far conoscere meglio al pubblico luganese personaggi di spicco del mondo letterario e culturale, promosso da Società Dante Alighieri, PiazzaParola e dal centro culturale LAC nell’ambito del programma LAC edu, in collaborazione con LAC shop.
La formula del ciclo: le autrici e gli autori invitati parleranno del loro classico preferito e del ruolo che questa lettura ha avuto nella loro produzione letteraria e nella loro vita. Gli incontri della nuova stagione saranno l’occasione per dialogare con scrittrici, scrittori, saggisti e giornalisti, e affrontare con loro temi culturali di attualità.

Ingresso libero.

Prima di ogni incontro il caffè del LAC, Luini 6, offre il 10% di riduzione sulla colazione.
Lorenza Foschini sarà al caffè del LAC alle 10.30, e chi vorrà potrà unirsi a lei per parlarle e salutarla prima dell’incontro.

Per maggiori informazioni edu.luganolac.ch

Mar
9
Lun
VI Edizione di “UN ANGELO TRA LE STELLE” ¦ Napoli, Lunedì 9 marzo, ore 20.30 – Ristorante Zi Teresa, Borgo Marinari @ Napoli
Mar 9@20:30

Cinque stelle Michelin e tre artigiani del gusto per la charity dinner dell’Associazione Progetto Abbracci Onlus: raccolta fondi per la costruzione dei “Campi del Casale” nella parrocchia di Santo Strato a Posillipo

NAPOLI – Cinque Stelle Michelin insieme per la tradizionale charity dinner Un Angelo tra le stelle organizzata dalla Onlus Progetto Abbracci di Claudio e Giovanna Zanfagna. Lunedì 9 marzo, alle ore 20.30, il ristorante Zi Teresa (Borgo Marinari a Napoli) ospiterà la sesta edizione dell’appuntamento che combina alta cucina e progetti per il sociale. Scopo della serata è infatti sensibilizzare il pubblico e raccogliere fondi a favore dei più bisognosi: l’intero ricavato di questa sesta edizione sarà impiegato per la costruzione dei “Campi del Casale” – in particolare un campetto da calcio e un campo per la pallavolo e la pallacanestro – nello spazio antistante la parrocchia di Santo Strato a Posillipo guidata da Don Aldo Landolfi. “Spazi di gioco e di aggregazione” come chiarisce Claudio Zanfagna, “pensati per distogliere dalla strada i ragazzi provenienti da famiglie in difficoltà e offrire loro uno luogo di formazione e di condivisione”.

A rendere possibile tutto questo chef e artigiani della gastronomia campana, che per una sera cucineranno insieme, no profit, in una ideale e appassionata brigata: a dettare i tempi in cucina la chef resident Carmela Abbate del ristorante Zi Teresa che vedrà alternarsi al suo fianco un eccezionale cast di colleghi stellati: per la prima volta la manifestazione vede la partecipazione di Paolo Gramaglia del ristorante President di Pompei accompagnato da Domenico Iavarone chef neo-stellato del José Restaurant di Torre del Greco, Peppe Aversa del ristorante Il Buco di Sorrento, Michele Deleo consulente degli hotel Four Seasons di Mosca e San Pietroburgo e Pasquale Palamaro del ristorante Indaco dell’hotel Regina Isabella di Ischia. A completare l’offerta gastronomica della serata le pizze di Enzo Piccirillo de La Masardona e i dolci di Angelo Gravino consulente per il ristorante Michelasso. Ad accompagnare la serata le note del maestro Pino De Maio.

Quest’anno per la prima volta la cena di Un angelo tra le stelle apre la terza edizione della kermesse “7 su 7” ovvero la settimana dedicata alla celebrazione del ragù e della genovese promossa da Mysocialrecipe.com e Luciano Pignataro Wine blog in programma dal 9 al 15 marzo.

La serata è resa possibile grazie al contributo di tanti amici della Onlus. Si ringraziano per il supporto il ristorante Zi Teresa, Scherillo Vini e Distillati, Campagnola Advisers, Acquerello, L’Ariete Galleria d’Arte, Pastificio Di Martino, Plose Acqua minerale naturale. Ed ancora per la comunicazione Stile Libero – Strategie per la visibilità e per l’ufficio stampa la società dipunto studio.

PROGETTO ABBRACCI ONLUS è l’associazione fondata da Claudio e Giovanna Zanfagna in seguito alla prematura scomparsa del figlio Andrea nel 2014. In sei anni Progetto Abbracci Onlus ha realizzato opere significative a Napoli e in Africa. Nel 2018 la cena stellata Un Angelo tra le Stelle ha finanziato la “Casa dei Mestieri”, attiva presso la struttura dei Padri Dehoniani a Marechiaro, con la donazione di un forno a legna e un bancone professionale da bar dove studenti affetti da disabilità cognitiva possono apprendere il lavoro di sala e inserirsi nel mondo del lavoro. Nel 2019 invece il ricavato della serata è stato devoluto per sostenere il completamento della Scuola Andrea Zanfagna in Tanzania (località Lulamba, provincia Bukombe, regione GEITA): la struttura, attiva dal 2016, accoglie ogni giorno 650 tra bambini e ragazzi che, grazie a questo progetto, hanno l’opportunità di frequentare un percorso di studi e conseguire il diploma per l’accesso alle scuole superiori.

Il biglietto ha un costo di 100 euro a persona ed è possibile acquistarlo presso:
Il Circolo Nautico Posillipo – Via Posillipo, 5
Galleria l’Ariete – Via Manzoni, 147
Caffè Opera – Piazza degli Artisti – Via Luca Giordano, 145
Gioielleria Ciardulli – Piazza Giulio Rodinò, 24

Per info: info@progettoabbracci.org
tel. 3358418096 / 3358416543
www.progettoabbracci.org

Mar
12
Gio
XXIII FESTIVAL DI CULTURA E MUSICA JAZZ DI CHIASSO ¦ BRASS erie ¦ Cinema Teatro, 12-13-14 marzo 2020 @ Chiasso
Mar 12–Mar 14 giorno intero

La storia della musica afroamericana e dei suoi primi interpreti rimane indissolubilmente legata alla cultura popolare delle bande, delle brass band e delle fanfare militari che fin dal 1800 animavano in diverse occasioni eventi istituzionali, commemorativi o funebri delle città del sud degli Stati Uniti.

Così, anche a New Orleans, tutt’intorno alla tristemente nota “Congo square”, come pure nelle vie attigue a Storyville – la zona della città a luci rosse – marce, canzoni, blues e ragtime prendevano vita risuonando grazie al timbro squillante e caratteristico di strumenti quali trombe, cornette, tromboni e tube. Anche la strumentalizzazione del blues, prima rurale e poi metropolitano, prende forma grazie all’utilizzo di antichissimi strumenti militari di origine latina che nel gergo contemporaneo di oggi chiamiamo brass.

Nelle numerose scuole popolari delle bande musicali di quel periodo trovano così riscatto sociale giovanissimi orfani, ex schiavi e poveri emarginati, che, grazie alla musica riescono a conquistare una posizione dentro la rigida società americana del tempo.

Il programma dell’edizione 2020 del Festival di cultura e musica jazz di Chiasso vuole rievocare e omaggiare le origini dei primi pionieri del jazz quali Bix Beiderbecke, Luis Armstrong, King Oliver, Jack Teeadgarden, ecc., con un programma variegato che pur toccando le armoniche di altri strumenti come il violino del grande virtuoso rumeno Florin Niculescu, il sax di Andy Sheppard, il clarinetto di Zoe Pia in dialogo con la fisarmonica di Antonello Salis , lascia spazio agli ottoni della SMUM di Lugano guidata dal trombonista Federico Moccia e alla straordinaria presenza del trombettista israeliano Avishai Cohen, che in qualità di artist in residence si alternerà on stage con tre progetti diversi nelle tre sere del festival.

A chiusura, il doveroso omaggio della Tankio Band di Riccardo Fassi ad un grande maestro della musica del ‘900 quale Frank Zappa, un musicista la cui produzione ha intrecciato più volte le strade del jazz e del rock sempre con spirito innovativo e di ricerca profonda.

Altre variazioni sul tema potranno essere ascoltate nei momenti di pausa tra un concerto e l’altro, grazie al programma musicale trasversale che DJ SoulJazz proporrà nelle sue DJ sessions.

Buon ascolto

Vedi programma e dettagli cliccando qui

Attività ricreative e culturali primavera 2020 di Rivapiana.net Minusio ¦ 12 marzo chiacchierata con Antonella Borsari, fitoterapista, botanica di campo @ Minusio
Mar 12@20:30

Vi informiamo che abbiamo pubblicato sul nostro sito www.rivapiana.net il calendario delle attività ricreative e culturali dei prossimi mesi.

In occasione dell’anno internazionale della salute della pianta, l’associazione proporrà alcuni momenti di approfondimento a cominciare dalla chiacchierata che si svolgerà giovedì 12 marzo nella Villa S.Quirico con Antonella Borsari, fitoterapista, botanica di campo e presidente della Società botanica ticinese. Seguirà il sabato 2 aprile una passeggiata guidata sempre da Antonella Borsari alla scoperta della flora di Minusio e il sabato 25 aprile la visita al giardino di Verena Pedrotta a Cavigliano.

L’associazione presenterà inoltre alla chiacchierata del 2 aprile il progetto di teatro comunitario e comunicazione interculturale intitolato “Dalla Mia Riva” che sta sviluppando in collaborazione con l’Accademia Teatro Dimitri, Teatro Zigoia, GeaMondo ed Elisarion e che si articolerà sull’arco dell’anno in diversi momenti di incontri, feste e teatro.

Non mancano in calendario visite a mostre d’arte e concerti.

Il calendario completo di maggiori informazioni lo trovare in www.rivapiana.net

Mar
15
Dom
Domenica 15 marzo 2020 al Teatro Sociale di Bellinzona “Una musica da Oscar” @ Bellinzona
Mar 15@17:00

Domenica 15 marzo 2020 alle ore 17.00 al Teatro Sociale di Bellinzona “Una musica da Oscar”
“qualche volta, dai sogni mi capita che affiorino dei suoni, delle idee. Se riescono ad arrivare al dormiveglia, e io riesco ad acciuffarle, le trascrivo appena mi sveglio” Ennio Morricone

La Civica Filarmonica di Bellinzona dedica un concerto-spettacolo al grande Maestro Ennio Morricone che con le sue colonne sonore, segna la storia del cinema internazionale degli ultimi cinquant’anni. Ascoltando alcune delle sue più famose colonne sonore, arrangiate da Angelo Bolciaghi ed eseguite dalla Civica sotto la direzione di Franco Arrigoni, e lasciandosi trasportare nelle atmosfere dei rispettivi film attraverso la narrazione e le proiezioni grafiche, lo spettatore verrà trasportato in un viaggio emotivo, capace di ripercorrere la carriera musicale-cinematografica del Maestro.

Direzione Franco Arrigoni
Arrangiamenti Angelo Bolciaghi

Con la partecipazione di

Luigi Donato – narrazione
Barbara Costa – voce
Emanuele Lo Porto – pianoforte
Valerio Scacchi – fisarmonica

Prevendita:
Ufficio Turistico di Bellinzona, Palazzo civico LU-VE 10.00-12.00/13.30-17.30 SA 09.00-12.00
Riservazione possibile tel. 091 825 48 18 dalle ore 13.30 alle ore 17.30
Oppure con sovrattassa presso tutti i punti vendita ticket corner www.ticketcorner.ch

Mar
19
Gio
CAMBIAMENTO DI PROGRAMMA ¦ “MACBETTU” AL POSTO DE “IL GIARDINO DEI CILIEGI” al Teatro Sociale Bellinzona, 19 e 20 marzo 2020, ore 20.45 @ Bellinzona
Mar 19@20:45–Mar 20@23:00

CAMBIAMENTO DI PROGRAMMA ¦ “MACBETTU” AL POSTO DE “IL GIARDINO DEI CILIEGI” al Teatro Sociale Bellinzona, 19 e 20 marzo 2020, ore 20.45

Il Teatro Sociale Bellinzona comunica che, per una decisione unilaterale della produzione, deve rinunciare alla programmazione dello spettacolo “Il giardino dei ciliegi” per la regia di Alessandro Serra, previsto il 19 e il 20 marzo 2020 alle ore 20.45. Al suo posto è stato però possibile scritturare per le stesse date un grande capolavoro di Alessandro Serra, “Macbettu”, versione in lingua sarda per soli attori uomini del “Macbeth” di William Shakespeare. Lo spettacolo sarà proposto al pubblico di Bellinzona con sopratitoli in italiano e sarà accompagnato dal regista Alessandro Serra.

I biglietti già emessi per lo spettacolo “Il giardino dei ciliegi” del 19 o del 20 marzo 2020 mantengono la loro validità per “Macbettu” della stessa data. Chi avesse già acquistato il biglietto per “Il giardino dei ciliegi” e non desiderasse assistere a “Macbettu” può chiedere il rimborso del prezzo del biglietto entro il giorno previsto per lo spettacolo allo stesso punto di prevendita in cui lo ha acquistato. Dopo lo spettacolo non si farà alcun rimborso.

La prevendita per “Macbettu” prosegue presso l’Ufficio Turistico di Bellinzona, palazzo municipale, tel. 091 825 48 18, presso tutti i punti vendita Ticketcorner e su www.ticketcorner.ch

MACBETTU

di: Alessandro Serra
tratto dal Macbeth di William Shakespeare
con: Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni,

Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino. traduzione in sardo e consulenza linguistica: Giovanni Carroni collaborazione ai movimenti di scena: Chiara Michelini musiche: pietre sonore Pinuccio Sciola

composizioni pietre sonore: Marcellino Garau
Tecnico della luce e Direzione Tecnica: Stefano Bardelli
Tecnico del suono: Giorgia Mascia
regia, scene, luci, costumi: Alessandro Serra
produzione: Sardegna Teatro, in collaborazione con compagnia Teatropersona
lingua: sardo con sopratitoli in italiano

Premi:
Premio Ubu 2017 come Spettacolo dell’Anno
Premio della Critica Teatrale conferito dall’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro
Festival MESS Awards (Sarajevo):

– Best Director – Alessandro Serra
– The Golden Mask Award by Oslobodenje – Macbettu
– The Luka Pavlovic Award by theatre critics – Macbettu
PREMIO LE MASCHERE DEL TEATRO 2019
– Migliore spettacolo di prosa
– Alessandro Serra migliore scenografo

Alessandro Serra, regista visionario che si sta affermando a livello internazionale, è noto al pubblico di Bellinzona, che ne ha applaudito la scorsa stagione “Il costruttore Solness”. Ora ritorna con un capolavoro assoluto, “Macbettu”, spettacolo che già abbiamo ospitato a Territori 17 e che siamo lieti di proporre ora al pubblico della stagione teatrale. Da quell’estate di quasi tre anni fa “Macbettu” ha fatto tanta strada, ora sta girando il mondo, ha ormai superato le 200 repliche e ha fatto incetta di premi fra i più prestigiosi (fra cui l’Ubu 2017 come Spettacolo dell’anno e Le Maschere 2019 per il Miglior spettacolo di prosa). E ha reso inconfondibile la cifra stilistica di Serra, fatta di materiali essenziali, suggestivi paesaggi sonori e ambienti dalle mille sfumature di grigio.

In partenza l’idea di Serra è stata sempliche: il Macbeth di Shakespeare recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. L’idea nacque nel corso di un reportage fotografico tra i carnevali della Barbagia. I suoni cupi prodotti da campanacci e antichi strumenti, le pelli di animali, le corna, il sughero. La potenza dei gesti e della voce, la confidenza con Dioniso e al contempo l’incredibile precisione formale nelle danze e nei canti. Le fosche maschere e poi il sangue, il vino rosso, le forze della natura domate dall’uomo. Ma soprattutto il buio inverno. Sorprendenti le analogie tra il capolavoro shakespeariano e i tipi e le maschere della Sardegna. La lingua sarda non limita la fruizione ma trasforma in canto ciò che in italiano rischierebbe di scadere in letteratura. Uno spazio scenico vuoto, attraversato dai corpi degli attori che disegnano luoghi e evocano presenze. Pietre, terra, ferro, sangue, positure di guerriero, residui di antiche civiltà nuragiche. Materia che non veicola significati, ma forze primordiali che agiscono su chi le riceve.

Mar
27
Ven
THE VAD VUC “I primi 20 anni” a Bellinzona il 27 e 28 marzo 2020 @ Bellinzona
Mar 27@17:41–Mar 28@18:41

Teatro Sociale Bellinzona, stagione 19-20

Venerdì 27 marzo 2020, ore 20.45
Sabato 28 marzo 2020, ore 20.45

THE VAD VUC
“I primi 20 anni”

Foto The Vad Vuc – © Carla Clavuot

con The Vad Vuc
Michele Carobbio: voce, chitarre, mandola
Sebastian Cereghetti: mandolino, trombone, cucchiai
Davide Bosshard: susafono, tastiere, basso

Giacomo Ferrari: basso, banjo, cori
Fidel Esteves Pinto: flauti, tromba
Fabio Martino: fisarmonica, tastiere
Roberto Panzeri: batteria
Alberto Freddi: violino
consigli e pazienza: Riccardo Brega
tecnici: Simone Savogin e Vito Martin
internet: www.vadvuc.ch

Il progetto The Vad Vuc ha mosso i suoi primi passi il giorno di Natale dell’anno 2000. In breve le canzoni di questo manipolo di amici si sono insinuate in ogni angolo del Canton Ticino, facendosi largo oltre Gottardo, varcando anche i confini nazionali. 20 anni in cui i The Vad Vuc hanno pubblicato 10 album (tra cd, ep, cd live e un dvd), si sono esibiti in quasi 400 concerti in Italia, Svizzera, Germania e Francia, e hanno collaborato con The Dubliners, Simone Cristicchi, Steve Wickham (The Waterboys), Sharon Shannon, Les Mellino des Négresses Vertes, Gnu Quartet, Modena City Ramblers, Yo Yo Mundi, Gang e molti altri. Per festeggiare come si deve questo importante traguardo i The Vad Vuc hanno deciso di dare appuntamento a tutti i loro fan a teatro. Sarà una serata speciale, un concerto unico e imperdibile, che vedrà la band ripercorrere la sua storia in compagnia, per l’occasione, di alcuni degli amici che in questi due decenni hanno condiviso in modo importante un pezzo di strada “vadvucchiana”.

Apr
5
Dom
Esposizione “GILBERT & GEORGE”, Museo Casa Rusca, Locarno (5 aprile – 18 ott. 2020) @ Locarno
Apr 5–Mag 5 giorno intero

“GILBERT & GEORGE”

5 aprile – 18 ottobre 2020
Museo Casa Rusca, Locarno

Il prossimo 5 aprile il Museo Casa Rusca inaugurerà la nuova stagione espositiva ospitando la coppia più provocatoria dell’arte contemporanea internazionale: Gilbert & George.

Si tratta di un evento di grande importanza poiché gli artisti – in occasione della celebrazione di oltre mezzo secolo di sodalizio esistenziale-artistico – hanno eccezionalmente accettato di esporre le loro opere a Locarno, dopo aver tenuto mostre nei più prestigiosi musei del mondo, dal Centre Pompidou di Parigi all’Art Museum di Shangai, dalla Tate Gallery di Londra, al MoMA di New York.

La rassegna, progettata in stretta collaborazione con Gilbert & George, presenterà la loro produzione più recente realizzata nell’ultimo decennio. Una selezione di sessanta opere trasformerà ogni sala del Museo in un grande affresco, dando vita ad un’esperienza affascinante e coinvolgente, che comunicherà al pubblico l’essenza del lavoro del duo artistico inglese.

Vedi dettagli

GILBERT & GEORGE 5 aprile – 18 ottobre 2020 ¦ Museo Casa Rusca, Locarno
A cura di Rudy Chiappini

Conferenza stampa: venerdì 3 aprile 2020, ore 11.00

Inaugurazione: sabato 4 aprile 2020, ore 17.00

Comunicato stampa

Il prossimo 5 aprile il Museo Casa Rusca inaugurerà la nuova stagione espositiva ospitando la coppia più provocatoria dell’arte contemporanea internazionale: Gilbert & George.

Si tratta di un evento di grande importanza poiché gli artisti – in occasione della celebrazione di oltre mezzo secolo di sodalizio esistenziale-artistico – hanno eccezionalmente accettato di esporre le loro opere a Locarno, dopo aver tenuto mostre nei più prestigiosi musei del mondo, dal Centre Pompidou di Parigi all’Art Museum di Shangai, dalla Tate Gallery di Londra, al MoMA di New York.

La rassegna, progettata in stretta collaborazione con Gilbert & George, presenterà la loro produzione più recente realizzata nell’ultimo decennio. Una selezione di sessanta opere trasformerà ogni sala del Museo in un grande affresco, dando vita ad un’esperienza affascinante e coinvolgente, che comunicherà al pubblico l’essenza del lavoro del duo artistico inglese.

Amati dal pubblico, osannati da musei e gallerie, il loro atteggiamento pluralista mescola performance, scultura e grafica pop in un unicum accessibile a tutti (e non potrebbe essere diversamente, dato il leitmotiv che da sempre guida la loro pratica: “Art for All”). Obiettivo principale del loro lavoro è produrre un’arte democratica e di forte impatto comunicativo, che sfida le convenzioni dell’élite e della società borghese e che analizza in profondità la complessità della condizione umana. Affrontando argomenti solitamente estranei alle sale museali e che possono colpire alcuni visitatori gli artisti, con il loro vissuto, per primi si sottopongono a tale minuzioso esame, mettendo in scena sé stessi, in un’ottica che vede coincidere l’artista e l’opera d’arte: “Essere sculture viventi è la nostra linfa, il nostro destino, la nostra avventura, il nostro disastro, nostra vita e nostra luce” dichiarano, indicando nel rapporto tra l’arte e la vita l’asse portante della loro poetica.

La mostra si concentrerà sulle tematiche più controverse e urgenti del dibattito contemporaneo, da sempre, alla base della loro ricerca: sesso, razza, religione, politica, identità all’insegna di pochi comuni denominatori: l’ironia pungente, il rifiuto delle etichette e la voglia di mettere tutto in discussione, senza necessariamente fornire risposte alle domande suscitate.

Per Gilbert & George l’arte non è altro che una rielaborazione della vita e deve necessariamente avere anche una funzione educativa, indicando la strada per superare qualsiasi tabù, religioso, culturale o sociale.

Il loro modo di intendere l’arte si rispecchia anche nella scelta della firma comune: ciò non indica solo un rifiuto della distinzione dei ruoli, ma anche una profonda revisione dell’idea di identità e di individualità. L’essere insieme, il fatto di esistere in quanto due in un unico concetto, fanno di Gilbert & George dei precursori di tematiche che oggi vengono poste quali importanti e necessarie. Il segreto del loro grande riscontro di pubblico e, tardivamente, di critica, sta forse proprio nella “&”, quella “e” che simboleggia l’unione tra due persone, tra due creativi a generare un carisma non convenzionale.

Biografia

Gilbert Prousch nasce a San Martino in Badia, Italia, nel 1943. George Passmore nasce invece a Plymouth, Regno Unito, nel 1942. Sarà la St. Martin’s School of Art di Londra, dove entrambi studiano scultura, a farli incontrare nel 1967. Precursori nel scegliere il palcoscenico anticonvenzionale per il loro talento, nel 1968 si trasferiscono nel quartiere operaio di Spitalfields e si oppongono subito al conformismo della società e all’arte d’élite. Singing sculpture, la loro prima performance davanti agli studenti della scuola, risale al 1969.

Il 1971 è l’anno della loro personale di esordio. Presentano pertanto le prime fotografie in bianco e nero alla Whitechapel di Londra, alla Kunstverein di Düsseldorf e allo Stedelijk Museum di Amsterdam. Il successo arriva nel 1972, quando vengono invitati alla rassegna Documenta di Kassel e il Daily Mirror li proclama “il grande, nuovo fenomeno del mondo dell’arte”. Dal 1972-73 collaborano con prestigiose gallerie: la londinese Anthony d’Offay, la Sonnabend Gallery di New York e la Galerie Konrad Fischer di Düsseldorf. Nel 1977 smettono di mostrarsi come “sculture viventi” e la loro produzione di grandi composizioni fotografiche, con struttura a griglia ortogonale e i loro ritratti sempre presenti, comincia a subire dei mutamenti.

Dopo il bianco e nero e l’utilizzo del rosso, dagli anni Ottanta Gilbert & George si aprono al colore e parallelamente aumentano le dimensioni delle opere che assumono, progressivamente, l’aspetto di veri e propri mosaici in virtù della costruzione a pannelli giustapposti. Dalla serie THE 1982 PICTURES prendono forma gli assemblaggi e le sovrapposizioni che da allora accompagnano i lavori di Gilbert & George.

Nel 1990 gli artisti realizzano la serie THE COSMOLOGICAL PICTURES, che viene presentata in numerosi musei europei tra 1991 e 1993. Nel 1992 espongono, presso il Museo d’arte di Aarhus, in Danimarca, la loro opera più monumentale: NEW DEMOCRATIC PICTURES (1991) . Il corpo umano diventa oggetto della ricerca artistica, non soltanto dal punto di vista della sessualità e dell’anatomia, ma anche della biologia come nelle serie THE NAKED SHIT PICTURES (1994) e FUNDAMENTAL PICTURES (1996). Nel 1997 tengono una retrospettiva sui 30 anni della loro carriera al Museo d’Arte Moderna di Parigi.

Dagli anni 2000 Gilbert & George iniziano a manipolare le immagini utilizzando la tecnologia digitale. Appartengono a questa fase le NEW HORNY PICTURES (2001) incentrate sulle inserzioni di mercenari del sesso, le TWENTY LONDON EAST ONE PICTURES (2003) esemplificative della stretta relazione tra l’arte della coppia e la zona di Londra in cui abitano, e le SONOFAGOD PICTURES (2005). Nel 2005, con le Ginko Pictures, approdano alla Biennale di Venezia in veste di rappresentanti della Gran Bretagna. Dopo gli attentati terroristici del luglio 2005 avvenuti nella capitale britannica, l’attualità torna protagonista in THE SIX BOMB PICTURES (2006). Nel 2007 la Tate Modern di Londra li ospita per la più grande retrospettiva mai dedicata prima ad artisti viventi; la mostra ha fatto poi tappa nei maggiori musei europei, tra cui il Castello di Rivoli a Torino.

Seguono le cinque serie prodotte dagli artisti tra il 2008 e il 2016: le JACK FREAK PICTURES (2008), le

LONDON PICTURES (2011), le SCAPEGOATING PICTURES (2013), le UTOPIAN PICTURES (2014) e le
BEARD PICTURES (2016), presentate al Museo Casa Rusca in occasione di questa esposizione.

Gilbert & George hanno ricevuto numerosi premi inclusi il South Bank Award e il premio “Lorenzo il Magnifico” alla carriera, entrambi nel 2007; lo Special International Award nel 1989, e il Turner Prize nel 1986.

I loro lavori si trovano in numerose collezioni pubbliche e private internazionali tra cui l’Art Institute of Chicago, il Cleveland Museum of Art, il Guggenheim Museum di Bilbao, l’Irish Museum of Modern Art di Dublino, l’Istanbul Modern, il Metropolitan Museum of Art di New York, il Museum Ludwig a Colonia, il Museum of Contemporary Art a Los Angeles, il Museum of Contemporary Art a Sydney, il Museum of Modern Art a New York, il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, lo Stedelijk Museum ad Amsterdam e la Tate Gallery a Londra.

Entrambi vivono e lavorano a Londra.

Informazioni
SEDE Museo Casa Rusca
Piazza Sant’Antonio, 6600 Locarno
ORARI Martedì – Domenica 10.00-12.00 / 14.00-17.00
Lunedì chiuso
INGRESSO Intero CHF 12.-
Ridotto AVS/AI e
gruppi (minimo 10 persone) CHF 10.-
Studenti dai 16 anni e
gruppi AVS/AI (minimo 10 persone) CHF 6.-
Ingresso gratuito per le scuole
e per gli studenti fino ai 16 anni
CONTATTI Dicastero Cultura Città di Locarno
Piazzetta de’ Capitani 2, 6600 Locarno
+41 (0)91 756 31 70 servizi.culturali@locarno.ch
www.museocasarusca.ch
www.locarno.ch
www.facebook.com/casarusca
www.instagram.com/casarusca

Giu
6
Sab
Prevendita | Tutti dormono 6,7, 8 giugno 2020 a Mendrisio… ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO ORA! @ Mendriio
Giu 6–Giu 8 giorno intero

Cara lettrice, caro lettore puoi acquistare sin d’ora il tuo biglietto d’ingresso per TUTTI DORMONO. Scegli tra le repliche. Cliccando sulla data potrai inviarci una mail con i tuoi dati. Oppure visita il sito

Tutti dormono


e utilizza il modulo di contatto.

6 giugno 2020 ore 21.30
(data di riserva in caso di pioggia 13 giugno 2020 ore 21.30)

6 giugno 2020 ore 23.00
(data di riserva in caso di pioggia 13 giugno 2020 ore 23.00)

7 giugno 2020 ore 21.30
(data di riserva in caso di pioggia 14 giugno 2020 ore 21.30)

8 giugno 2020 ore 23.00
(data di riserva in caso di pioggia 14 giugno 2020 ore 23.00)

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO SUBITO !!!

Hai prenotato? Ora per concludere l’acquisto paga il biglietto. Eccoti le coordinate bancarie:

BANCASTATO, via Guisan 5, 6501 BELLINZONA

a favore di

CH03 0076 4598 0764 C000 C

CON_CRETA – arti espressive & progetti creativi, 6866 Meride, conto 65-433-5

Ingresso singolo: 40.- CHF
Ingresso ridotto soci Concreta, studenti e AVS: 30.- CHF
Ingresso gruppi (minimo 10 persone, solo in prevendita): 30.- CHF/ a persona

Il ritiro dei biglietti avverrà sul piazzale del Centro Culturale LaFilanda 15 minuti prima dello spettacolo.

A dieci anni di distanza gli abitanti di Spoon River scenderanno la collina, attraverseranno il fiume per ricordarci che “Tutti dormono”.
Occorre svegliarsi perché là, dove loro sono finiti, finiremo anche noi.

Sul sito di Concreta è stato attivato un conto alla rovescia, abbiamo pubblicato le attività previste e il teaser di tutti dormono

Lug
17
Ven
VOCI PER LA LIBERTÀ: PARTONO I PREMI AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA PER LE MIGLIORI CANZONI SUI DIRITTI UMANI (17-19 luglio, Rovigo) @ Rovigo (I)
Lug 17–Lug 19 giorno intero

AL VIA IL BANDO DI CONCORSO PER GLI EMERGENTI E LE SELEZIONI DEI BRANI DEI BIG DELLA MUSICA ITALIANA

Al via i lavori per la 23a edizione del festival “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty” con le prime fasi del Premio Amnesty International Italia nelle sezioni emergenti e big. Il festival, che coniuga musica e diritti umani, è in programma dal 17 al 19 luglio a Rosolina Mare (Rovigo) ed è nato nel 1998 in occasione del 50° Anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani.

Premio Amnesty International Italia sezione Emergenti

Per quanto riguarda gli artisti emergenti, è disponibile sul sito www.vociperlaliberta.it il bando di concorso per questa nuova edizione, a cui possono partecipare cantautori e band che abbiano un brano che parli di diritti umani, in qualsiasi lingua o dialetto e di qualsiasi genere musicale. La scadenza del bando è fissata per lunedì 4 maggio.

Gli artisti che si iscriveranno entro il 16 marzo avranno però la possibilità di partecipare al Premio MEI Musplan: tra tutti gli iscritti che entro quella data avranno caricato il proprio brano in un’ apposita playlist sulla piattaforma musplan.com sarà selezionato il premio semifinalista del concorso di Voci per la libertà da un’apposita commissione.

I semifinalisti saranno 8 in totale: oltre al vincitore del Premio MEI Musplan, gli altri 7 saranno selezionati tra tutti gli iscritti dall’organizzazione di Voci per la libertà. Quattro si esibiranno a Rosolina Mare venerdì 17 luglio e quattro il giorno successivo. I migliori cinque accederanno alla finale del 19. Gli artisti (a cui saranno assicurati vitto e alloggio) saranno valutati da una giuria composta da importanti addetti ai lavori e giornalisti, che assegnerà il Premio Amnesty International Italia per la sezione Emergenti.

Il vincitore avrà diritto a molti bonus, come la produzione di un videoclip e, insieme agli altri finalisti, l’inserimento in un album o playlist assieme ai big. Altri bonus saranno man mano definiti. Ad esempio nel 2018 per alcuni dei finalisti ci sono state anche decine di concerti e di laboratori musicali, un tour di 8 date realizzato grazie a NUOVOIMAIE e una comunicazione costante delle varie iniziative.

Il bando e altre informazioni a questo link: www.vociperlaliberta.it/festival/premio-amnesty-emergenti

Premio Amnesty International Italia sezione Big

Dal 2003 Amnesty International Italia e Voci per la libertà premiano una canzone (uscita nell’anno precedente) di un nome affermato della musica italiana sui diritti umani. Negli anni hanno vinto questo premio: Daniele Silvestri, Ivano Fossati, Modena City Ramblers, Paola Turci, Samuele Bersani, Subsonica, Vinicio Capossela, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Fiorella Mannoia e Frankie Hi-Nrg, Enzo Avitabile e Francesco Guccini, Max e Francesco Gazzè, Mannarino, Edoardo Bennato, Nada Malanima, Brunori Sas, Roy Paci.

Una prima selezione è partita proprio in questi giorni. Tutti possono segnalare all’indirizzo info@vociperlaliberta.it, entro il 15 febbraio 2020, brani che abbiano queste tre caratteristiche:

1) pubblicati tra il 1 gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019,
2) composti/interpretati da un artista italiano noto,
3) su un tema legato alla Dichiarazione universale dei diritti umani.

Tutte le proposte saranno prese in considerazione da uno staff composto da esponenti di Amnesty International Italia e di Voci per la Libertà, che ne selezionerà 10. Le nomination verranno quindi sottoposte a una giuria di importanti addetti ai lavori (giornalisti, conduttori radiofonici e televisivi, docenti universitari, referenti di Amnesty International Italia e di Voci per la Libertà), che eleggerà tra le candidate il Premio Amnesty International Italia, sezione Big, 2020. Il vincitore sarà ospite nella nuova edizione di “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty” a Rosolina Mare (RO).

La storia del premio e altre informazioni a questo link: www.vociperlaliberta.it/festival/premio-amnesty-italia